Ballando con le stelle

Ieri è tornato Ballando con le stelle con Milly Carlucci e la sua squadra. Tra vecchi e nuovi è stato un po' come tornare a casa.


Seguo questo programma, infatti, da tantissimi anni, perché adoro l'interazione tra i professionisti e le "star", anche se, negli ultimi anni, i vip sono i maestri, perché i concorrenti sono spesso sconosciuti o quasi. Questo, però, non è un problema solo di Ballando, ma di tutti i programmi televisivi... Basti pensare anche All'isola dei famosi, dove, accanto a pochi noti, ci sono personaggi molto poco conosciuti, che cercano la ribalta.
A parte questo, lo seguo con piacere, perché, a parte qualche polemica, cercata per far salire l'audience, il programma è carino, perbene e godibilissimo.
Quest'anno poi ci sono belle sorprese per me. Prime tra tutte, Amedeo Minghi.



Giuro, quando ho letto il suo nome, non potevo crederci. Adora Minghi da quando era una ragazzina e non l'ho mai visto accennare un passo di danza. Che non fosse così rigido e spocchioso, come a volte lo dipingono televisione e giornali, lo sapevo, ma che arrivasse a mettersi in gioco, addirittura ballando, no, devo essere sincera, non me lo aspettavo e mi ha sorpresa favorevolmente. Visivamente, l'accostamento con la Togni non rende al cento per cento, a mio parere, ma è solo una questione di gusti.
A parte Minghi, l'altro nome tanto atteso era quello di Giovanni Ciacci, che seguo tutti i giorni su RAI DUE al fianco di Caterina Balivo. Personaggio dalla forte personalità, che ha rivendicato e ottenuto di ballare con un uomo, per affermare, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che la danza è universale. Come immaginato, non se la cava affatto male e l'associazione con Raimondo Todaro, mi pare perfetta.


Non vi snocciolerò tutti i concorrenti, perché li trovate facilmente sul web, ma vorrei spendere due parole su quelli che mi hanno colpito di più...
Massimiliano Morra. Probabilmente ai più è noto, ma per me era un perfetto sconosciuto e vederlo al fianco di Sara Di Vaira è stata una bella scoperta.


Napoletano, anno 1986, prima di diventare attore, ha fatto il modello per diversi marchi nazionali e internazionali, vincendo, nel 2010, il concorso di Il più bello d'Italia. Mi pare di averlo scorto di recente su Mediaset ed è indubbiamente un bel vedere. Senza contare che si muove bene e potrebbe dare grandi soddisfazioni.


L'altro regalo della natura è Akash Kumar, una mescolanza tra India e Brasile, che balla insieme alla bellissima e bravissima Veera Kunninen. Non ancora molto sciolto si impone per la bellezza del suo viso. Quando parla lascia trapelare la sua età, ma per gli occhi è una grande consolazione.


Eleganza, interpretazione e bravura l'ha regalata a tutti noi Cesare Bocci. Bravissimo! A mio parere tra i più bravi della serata. Alessandra Tripoli ha trovato l'allievo che potrebbe portarla al podio!
Una nota a parte merita Jessica Notaro: brava, elegante e con una storia alle spalle che rende meritoria la sua presenza nel programma, perché ricorda a tutti quanto può far male l'amore malato.
Bene, detto questo, non mi resta che darvi appuntamento a sabato prossimo.

Commenti