Indizi su Race Gordon



Poche righe su Race... Alto un metro e novanta, capelli biondi, occhi cangianti e una banca di proprietà. La prima volta lo incontriamo per strada, a Londra, sconvolto da quanto si è lasciato alle spalle, ignaro della devastante notizia che lo attende.
Lo ritroviamo, sei mesi dopo, alle prese con un progetto di vendetta, ma contrariamente a quello che potreste pensare, dai pochi indizi disseminati per il web, Race Gordon non è cattivo...



Certo ha un piano e farà di tutto per attuarlo, ma i miei personaggi sono più celebrali che sadici e non potrebbe essere altrimenti, perché è contrario alla mia natura. Un uomo che alza le mani, umilia o maltratta una donna è già fuori dalla porta, dunque, anche tenendo conto che è finzione letteraria, certi temi attecchiscono poco con me, ma mi piacciono i personaggi tormentati, difficili, che hanno qualcosa che li agita e questo è il caso di Race. Molto probabilmente, incontrandolo penserete che è uno stronzo, ma non è un violento. Non sfiorerà mai Elena con un dito, se non per altre cose... Eppure, le farà del male, costringendola a sondare quanto forte sia il sentimento per quest'uomo di cui si è innamorata a prima vista.



Race, diversamente da Elena, farà di tutto per sfuggire all'amore. La vicinanza alla sua donna dovrà essere solo fisica e non mentale, ma presto si accorgerà di essere caduto nella trappola di Cupido e uscirne non sarà affatto semplice.


Dunque, non un protagonista violento, ma tormentato, che combatte contro quello che prova e n'è travolto, contro il suo volere. Quando si renderà conto che la cosa peggiore che gli possa capitare è il pieno successo del suo piano, cercherà di fare marcia indietro, ma scoprirà che è troppo tardi...
Inizia così la terza parte del romanzo, nella quale conosceremo una persona diversa, che forse riuscirà a ricucire un rapporto destinato all'infelicità, che invece è invece alla base della sua felicità.


Naturalmente, non posso rivelarvi nulla, senza togliervi il piacere della sorpresa, ma mi sono accorta che gli stralci presentati potevano alimentare false speranze in chi cerca un'altro tipo protagonista e ci tenevo a sgomberare il campo da convinzioni errate. Tra odio e amore, noi  è un romanzo d'amore, un po' sofferto, forse, ma carico di sentimenti che, come accade spesso nei miei romanzi, non riguardano solo i protagonisti.
Dunque, tanto amore, un pizzico di arrabbiatura, sentimenti inespressi, qualche risata e spero tanto piacere nel leggere la storia di Race ed Elena.
Se non lo avete ancora fatto, potere prenotarlo su Amazon, a un prezzo speciale. Esce il 7 luglio!

Commenti